Come usare la planetaria

Grazie all’uso di una planetaria  è possibile poter realizzare cibi che con difficoltà difficilmente si possono preparare a casa, perché hanno bisogno di impasti piuttosto lunghi ed anche pesanti da poter fare a meno, ad esempio per il pane,  il pandoro, il panettone oppure la colomba, nonchè pizza ed altro ancora.

Funzionalità della planetaria.

Con la planetaria sarà possibile pure preparare classici composti come torte, ma anche crispelle, muffin, salse, maionese , riducendo la fatica e i tempi per realizzarli.

Dunque, grazie alla planetaria sarà possibile preparare impasti richiedenti una lavorazione piuttosto lunga e che non usando tale elettrodomestico ci vorrebbe una lunga lavorazione.

Ovviamente per preparare tali prodotti sarò rilevante poter scegliere scegliere l’impastatrice più adatta per potenza, ma anche in relazione al motore e alla capienza della ciotola, e non sarà possibile comprare modelli con materiali di fabbricazione morbidi e di costi minori a cento euro.

Con l’utilizzo della planetaria, si potranno realizzare pure ricette composte, iniziando proprio da un primo impasto:

-pasta fresca,  in seguito con il pasta maker, accessorio che molto spesso è in dotazione, si potrà dare la forma che si desidera, da spaghetti a pasta corta per esempio;

-purè di patate;

-besciamella;

-pasta frolla;

-ciascun tipo di crema;

-ogni tipologia di torta.

Nel corso dell’impasto sarà possibile versare  ciascun ingrediente.
Iniziando da tali composti sarà possibile poterne creare di nuovi, eseguire eventuali variazioni partendo proprio da un definito impasto.

I punti di forza per l’utilizzo di una planetaria nel settore gastronomico o semplicemente nella comodità di casa propria sono:

-diminuzione della fatica;
-poter impastare quantitativi maggiormente elevati;
-impastare,  poter amalgamare composti che risulterebbero difficili da preparare;

-diminuire i tempi di preparazione;

-possibilità di occuparsi di ulteriori faccende quando l’impastatrice invece esegue la lavorazione.

Grazie alla frusta a filo, costituita da molti fili metallici sarà possibile amalgamare ciascun impasto liquido oppure semiliquido, quali le crespelle ed anche le pastelle, perfette per poter friggere oppure preparare al forno sia carne che verdure. Tale tipo di frusta è perfetto inoltre per poter montare la panna ed anche gli albumi per preparare meringhe oppure ciascun composto che hanno bisogno di dover incorporare aria per poter diventare soffici, quali un soffice Pan di Spagna in un massimo tempo di 10 o 20 minuti.

Un’impastatrice per funzionare completamente nel rispetto delle sue potenzialità, avrà un costo medio oscillante tra i 150 euro ai 1000-2000 euro nella professionale tipologia. Sul sito www.impastatricemigliore.it tanti approfondimenti e guide per l’utilizzo di tale elettrodomestico.