Il consumo energetico delle lavatrici

La lavatrice ormai da anni è usata in tutte le case che si tratti di famiglie o di single, perchè davvero non se ne può fare a meno, ma in molti si chiedono quanto possa consumare una lavatrice?  Sul sito www.lavatricemigliore.it tanti chiarimenti ed approfondimenti su questo elettrodomestico e su quale scegliere.

Cosa considerare prima di acquistare una lavatrice.

Il consumo energetico delle lavatrici è certamente fra le domande maggiormente ricorrenti quando si deve procedere all’acquisto di un elettrodomestico. In base ad alcuni studi una lavatrice di classe A che è dotata di una potenza di 2.000 Watt, consumerebbe 300 kWh all’anno. Questo elettrodomestico mediamente è usato quattro volte alla settimana per lavaggi con una temperatura di 60 gradi, dunque 300 kWh all’anno corrispondono a circa 90 euro ogni 12 mesi.

Le lavatrici che hanno un consumo minore sono certamente quelle di classe A+++. La riduzione corrisponde al 25% se confrontata alla classe A. Per poter avere un risparmio economico energetico, occorrerebbe porre attenzione sulla temperatura del lavaggio. Se l’acqua, usata per il lavaggio, è meno riscaldata, si risparmierà. E’ consigliabile oscillare fra una temperatura di 40 e 60 gradi. Ancor meglio se la lavatrice ha già un allaccio all’acqua calda e quindi l’acqua arriva già riscaldata nell’elettrodomestico. Prima di acquistare l’apparecchio è bene fare attenzione quindi alla classe energetica e ai programmi che consentono un risparmio energetico ed idrico.

Oltre al consumo energetico ed idrico, ulteriore aspetto importante è la dotazione o meno di dispositivi di sicurezza. Questo va a garantire al consumatore sicuramente l’efficienza della macchina oltre che una più grande tutela della relativa incolumità. Uno degli aspetti non trascurabile è il dispositivo antitrabocco che consente una limitazione del quantitativo di acqua nel cestello. L’obiettivo di tale sensore è andare ad evitare che l’acqua sia erogata eccessivamente al punto da allagare casa.

E’ previsto dunque, un particolare dispositivo detto antiallagamento, tale sistema procede a fermare l’attività della lavatrice se l’acqua fuoriesce dall’elettrodomestico.  Tanto utile è anche il dispositivo acqua-stop se ci fossero eventuali problemi e guasti alle tubature di carico ed anche a quelle di scarico dell’acqua.

E per quanto riguarda l’installazione? La lavatrice potrebbe essere installata in date zone della casa, come la cucina, la lavanderia oppure il bagno per lo sfruttamento degli attacchi di acqua e di elettricità che sono presenti in dati ambienti. Certamente l’area laddove posizionare tale apparecchio è scelta pure in base a vari fattori: lo spazio disponibile, ma anche la grandezza della lavatrice ,il carico che la lavatrice può supportare, nonchè l’ubicazione delle prese elettriche.